“Mai dire mai”, i migranti cantano l’integrazione attraverso un video musicale

  • Home
  • Eventi
  • “Mai dire mai”, i migranti cantano l’integrazione attraverso un video musicale

Eventi

16 marzo 2018 alle 17:11

“Mai dire mai”, alias l’imprevedibilità della vita. Sono questi il titolo e il messaggio alla base del primo inedito cantato dai “Neri per C.A.S., gruppo musicale composto interamente da rifugiati e richiedenti asilo dei centri d’accoglienza gestiti dalla cooperativa sociale Tre Fontane.

Il laboratorio di musica, iniziato nel 2017 all’interno del Cas Casilina 1, curato dal docente di italiano Luca Lòtano e dal mediatore interculturale Cheikh Dieng, ha dato rapidamente vita a un gruppo musicale composto da beneficiari dei centri Casilina 1 e 2, Codirossoni e Frascati, componendo così una band che può contare su percussioni, tastiera, chitarre e basso.

Il gruppo, attraverso un lavoro che parte dalle melodie e dal ritmo dei beneficiari per arrivare alla verbalizzazione attraverso la scrittura di testi in italiano, in inglese, francese e nelle diverse lingue madri, ha così composto “Mai dire mai”, una canzone inedita inspirata all’imprevedibilità della vita di cui è stato realizzato anche un video musicale.

Dopo l’esibizione in occasione di “Rifugiamoci nell’arte 3.0”, la festa di Natale organizzata dalla Tre Fontane che ha coinvolto i migranti sul palco del Teatro Tor Bella Monaca,  il gruppo ha avuto modo,  grazie alla collaborazione con MaTeMù CIES Onlus , di confrontarsi con la registrazione della canzone nello studio di Matemù – Centro Giovani e Scuola d’Arte del CIES.